Come programmare un’app per Android

Come programmare un’app per Android

Imparare a programmare e sviluppare un App su Android può essere complicato. A volte non è nemmeno chiaro da dove cominciare. Probabilmente avrai una serie di domande a cui rispondere prima ancora di iniziare, ad esempio:

  • Quale linguaggio di programmazione imparare?
  • Dove poter imparare il linguaggio scelto?

Decidere da quale linguaggio di programmazione iniziare dipenderà interamente da ciò che speri di ottenere. Se vuoi sviluppare app Android, il primo passo è scegliere il linguaggio. Le differenze tra i vari linguaggi di programmazione Android può essere una cosa complessa. Fare la scelta giusta deve comprendere i propri punti di forza e di debolezza.

Le lingue che potresti prendere in considerazione per l’apprendimento per lo sviluppo Android sono:

  • Java : è il linguaggio ufficiale dello sviluppo di Android ed è supportato da Android Studio. Ha comunque una ripida curva di apprendimento.
  • Kotlin : è stato recentemente introdotto come linguaggio Java “ufficiale” secondario. È simile a Java in molti modi, ma è un po ‘più facile da capire.
  • C / C ++ : Android Studio supporta anche C ++ con Java NDK. Ciò consente applicazioni di codifica native, che possono essere utili per cose come i giochi. Il C ++ è però più complicato.
  • C # : è un’alternativa leggermente più adatta ai principianti a C o C ++ che offusca più codice. È supportato da alcuni strumenti molto utili come Unity e Xamarin che sono fantastici per lo sviluppo di giochi e per lo sviluppo multipiattaforma.
  • BASIC – Un’opzione bonus è imparare BASIC e provare l’IDE B4A dal software Anywhere. Questo è uno strumento semplice ma potente, anche se sicuramente molto più di nicchia!
  • Corona / LUA – Un altro strumento multipiattaforma basato su LUA. Semplifica enormemente il processo di creazione di app e consente di chiamare librerie native.
  • PhoneGap (HTML, CSS, JavaScript) – Se sai già come creare pagine Web interattive, puoi utilizzare queste conoscenze con PhoneGap per creare un’app multipiattaforma di base.

Quando arriva il momento di sviluppare app Android, la prima e più popolare opzione è Java. Java è la lingua ufficiale dello sviluppo di Android, ovvero è quella che ha il maggior supporto da parte di Google e quella con cui sono costruite la maggior parte delle app sul Play Store.

Il modo numero uno per sviluppare app Android è andare avanti e scaricare Android Studio . Questo è un software chiamato IDE o Integrated Development Environment. Verrà fornito con l’ SDK di Android (un set di strumenti per facilitare specificamente lo sviluppo di Android) e fondamentalmente questo ti darà tutto ciò di cui hai bisogno in un unico posto per metterti in funzione.

I tutorial e la documentazione ufficiali di Google faranno riferimento a questo metodo e troverai il maggior numero di librerie (codice gratuito per migliorare le tue app) e tutorial che si concentrano su questo metodo.

Java stesso è stato rilasciato da Sun Microsystems nel 1995 ed è utilizzato per una vasta gamma di applicazioni di programmazione. Il codice Java è gestito da una “macchina virtuale”, che viene eseguita su dispositivi Android e interpreta il codice.

Sfortunatamente, anche Java è un po ‘complicato e non è un ottimo “primo linguaggio”. Questo è ciò che costituirà la più grande barriera per molte persone che vogliono iniziare con lo sviluppo di Android, in effetti. Android è un linguaggio di programmazione orientato agli oggetti con argomenti confusi come costruttori, eccezioni puntatore nullo, eccezioni controllate e altro. Non è terribilmente leggibile e userai molto codice “piastra della caldaia” per fare cose semplici. Aggiungete l’SDK Java e le cose si complicano ancora: un programmatore per la prima volta può fare fatica a sapere cos’è Java e cos’è Android. Lo sviluppo che utilizza questo percorso richiede anche una comprensione di base di concetti come Gradle, come Android Manifest e il linguaggio di markup XML.