Come verificare se un cellulare è stato rubato

Come verificare se un cellulare è stato rubato

Con l’avvento di Internet, a diffondersi a macchia d’olio sono stati i siti che raccolgono gli annunci di vendita dei privati. Su questi siti è possibile trovare di tutto: auto usate, compravendita ed affitti di appartamenti e anche molti cellulari di seconda mano.

L’oggetto che prenderemo in oggetto in questo articolo, sono proprio i telefoni usati o come si tende spesso definirli “ricondizionati”. Rappresentano delle alternative interessanti per chi ha intenzione di acquistare un dispositivo nuovo proprio grazie ai prezzi altamente competitivi e alle condizioni in cui si trovano, che molto spesso si avvicinano a quelle dei cellulari nuovi. Ma ogni volta che ci si accinge a rispondere ad un annuncio che riguarda questo genere di beni, la paura è sempre la stessa: “E se fosse rubato?”. Non preoccupatevi, la soluzione c’è. Si chiama “verifica imei”.

Cosa sono i cellulari “ricondizionati”?

Prima di spiegare i passaggi per verificare l’imei in modo corretto, ci tengo a spiegare a chi ne sa poco di tecnologia a cosa ci riferiamo quando parliamo di “cellulare ricondizionato”.

I “cellulari ricondizionati”, al contrario di quelli usati, non vengono proposti nello stato d’uso in cui si trovano. Questi dispositivi vengono riconsegnati all’azienda che li produce per motivi di malfunzionamento o semplicemente dopo averli utilizzati. Dopo la consegna, su questi cellulari vengono eseguiti dei test che possano testare il reale funzionamento del prodotto e vengono corretti eventuali errori sia estetici che di sistema. Dopodiché vengono rimessi nel mercato nelle proprie confezioni con tutti i dispositivi come auricolari e caricabatterie, anch’essi ricontrollati. Ovviamente il prezzo scende rispetto a smartphone nuovi ma allo stesso tempo le performance vengono garantite da rigide procedure di controllo qualità che vengono eseguite prima di mettere in vendita il prodotto.

Molte volte però, sui siti di annunci c’è qualcuno che vuole provare a fare il furbetto cercando di spacciare un telefono rubato per uno rigenerato. Infatti, questi “geni del crimine” eseguono un hard reset al cellulare ma lo consegnano comunque con l’imei bloccato. Cosa vuol dire in parole povere? Che questo cellulare è inutilizzabile con qualsiasi SIM in commercio.

Cos’è il codice IMEI e come verificarlo?

Per scoprire se il cellulare è rubato o meno, si deve eseguire una procedura di verifica del codice IMEI. Questa sigla è l’acronimo di International Mobile Equipment Identity e rappresenta il codice univoco del riconoscimento di un dispositivo che si connette a Internet. Detto in parole povere, l’IMEI è il codice fiscale del nostro dispositivo cellulare oppure del nostro Modem. Quando si sporge denuncia per il furto di un cellulare, la prima cosa da fare è avvertire il nostro operatore telefonico per poter bloccare l’IMEI del nostro cellulare.

Quando questo codice viene spostato nella blacklist, allora quel cellulare non funziona con nessuna SIM in commercio. Questo può avvenire con tutti i dispositivi in commercio ma è frequente sugli smartphone della Apple. Dunque se un Iphone non funziona devi immediatamente verificare l’imei apple per capire se è rubato. 

Per verificare se l’IMEI è in blacklist o meno è possibile farlo tramite alcuni software online dediti a questo tipo di controllo che permettono di verificare anche l’imei dell’Iphone. Ti spiego ora come fare:

  • digita il codice *#06# e premi sul pulsante chiamata;
  • ti apparirà un messaggio con il tuo codice IMEI;
  • Ricopia questo codice sulla barra di ricerca del software;

Dopo questa breve procedura, è possibile notare se il cellulare è bloccato o meno. Se è bloccato, ci sono molte possibilità che tu abbia acquistato un cellulare contraffatto oppure rubato.

Il consiglio che mi sento di darti è quello di farti passare il codice IMEI prima dell’acquisto del cellulare, per evitare spiacevoli sorprese. Di furbi ne è pieno il Web e regalare a loro dei soldi non è proprio il caso.

Per quanto riguarda i cellulari ricondizionati, invece, controlla che sulla scatola ci sia il marchio che certifichi l’autenticità del prodotto acquistato. Ricorda che un dispositivo ricondizionato viene rigenerato dall’azienda madre che produce tali dispositivi e non lo fanno i privati.