Gli integratori per combattere la disfunzione erettile

Gli integratori per combattere la disfunzione erettile

La disfunzione erettile consiste in un disturbo che impedisce di poter portare il pene in erezione, ed è una delle problematiche più comuni che coinvolgono l’apparato urogenitale maschile. Può causare grossi problemi psicologici e secondo alcuni studi ne soffrono circa il 50% degli uomini di età compresa fra i 40 ed i 70 anni. 

Questo problema può avere degli strascichi psicologici e sull’autostima davvero grandi, e per questo per stabilire una cura è importante cercare di determinare la causa della disfunzione erettile, in particolare capire se è dovuta ad un trauma improvviso o ad una malattia esistente. Ovviamente la cura della disfunzione erettile passa attraverso la supervisione di un esperto: solamente un medico può determinare se sia corretto assumere farmaci ed in quale quantità, allo scopo di curare o di alleviare i sintomi della disfunzione erettile e di migliorare la vita del paziente. Gli integratori, in alcuni casi ed assunti sotto controllo medico, possono avere un ruolo per migliorare e combattere le cause alla base della disfunzione erettile. 

Una volta determinata la causa della disfunzione erettile, se essa sia dovuta da problemi fisici o psicologici, sarà possibile per il medico – tenendo conto anche della gravità della situazione – prescrivere alcuni integratori da prendere con o senza farmaci, che possono migliorare la situazione e lenire i sintomi. Ma quali sono i migliori integratori contro la disfunzione erettile, quelli che funzionano di più? 

Quali sono gli integratori alternativi 

In generale per combattere la disfunzione erettile, a latere di una cura farmacologica, è necessario cercare di seguire un’alimentazione sana che può aiutare a migliorare la salute anche dell’apparato genitale. Eliminare fumo, alcol, cibo spazzatura, grassi animali e cercare di migliorare la qualità del sonno sono rimedi ‘soft’ che migliorano la salute ed anche il benessere genitale. 

Non solo. Ci sono anche alcuni integratori, di origine naturale, che possono aiutare a combattere la disfunzione erettile. 

  • Integratori per aumentare il testosterone, un ormone che viene prodotto dai testicoli e che determina lo sviluppo degli organi sessuali e le caratteristiche tipicamente maschili. Alcuni integratori a base di testosterone possono essere utili per combattere la disfunzione erettile, ma vanno assunti sotto controllo medico (è altamente pericoloso assumere ormoni senza prescrizione e senza controllo). In alcuni casi, come in quello della disfunzione erettile dovuta da blocchi psicologici e fisiologici, non sono utili. 
  • Integratori per migliorare la libido, in alcuni casi può aiutare specialmente se la disfunzione erettile è causata da problemi di tipo psicologico. 
  • Integratore di citrullina. Si tratta di un amminoacido non essenziale precursore dell’arginina, e che può essere utile per migliorare le prestazioni sportive, nota anche per il suo impatto su problemi lievi di disfunzione erettile. 
  • Integratori di omega 3. Spesso usati in sinergia con l’arginina, non hanno diretta influenza sull’erezione ma possono comunque aiutare la riduzione di trigliceridi nel sangue. 
  • Integratori di carnitina. La carnitina interviene nei processi di produzione di energia nel corpo e può essere utile se la disfunzione erettile è dovuta sostanzialmente a problemi di circolazione del sangue. 
  • Vitamina. Alcuni complessi di vitamine (come la vitamina E) assunti nell’alimentazione aiutano il trattamento di questo problema, nelle sue manifestazioni lievi.
  • Integratori di Ginseng. Il ginseng coreano può essere un aiuto nel trattamento della disfunzione erettile non grave, secondo diversi test scientifici: questa sostanza è un vasodilatatore. 

Attenzione però: gli integratori per la disfunzione erettile non sono rimedi miracolosi, e non bisogna cedere a proclami ingannevoli. Per questo vanno assunti sempre sotto controllo medico, nelle quantità indicate e senza esagerare, e sempre sotto il controllo dello specialista che potrà indicarvi le sostanze che possono aiutare a superare questo problema.