Pagare meno tasse: i miti del web

Pagare meno tasse: i miti del web

Pagare molte tasse, si sa, non piace a nessuno. Per questo dilaga in rete il vademecum dei consigli più o meno leciti e più o meno funzionanti che dovrebbero realizzare la c.d. escapologia fiscale, vale a dire modi per cercare di raggirare il fisco. Pagando così meno tributi. Si va dal cambio di residenza all’uso di cripto-valute, ma il problema, come spiegano gli esperti, consiste nel rischio di incappare in qualche passo falso.

Con il termine escapologia fiscale si intende quel complesso di metodi pensato per pagare meno tasse senza avere risvolti legali, senza per questo incorrere in sanzioni o addirittura nella commissione di reati. Esistono diversi metodi legali che possono servire per pagare meno imposte, e la maggior parte di quelli che funzionano davvero sono noti a tutti (commercialisti, ma anche non addetti al settore) da molto tempo, quindi non sono affatto una novità come si paventa in rete.

Parliamo di web e social perché è su queste reti che circolano i consigli, più o meno fondati, che dovrebbero servire per riuscire a pagare meno tasse senza evadere la legge (e il fisco). Anzi, assistiamo alla nascita di tantissimi siti web che si pongo come scopo quello di dare consigli precisi a imprenditori e non solo su come cercare di svincolarsi alla morsa del fisco. Ma l’escapologia fiscale ha dei limiti, e ben chiari, anche se quello di pagare le tasse è un desiderio estremamente diffuso.
Cosa si può fare davvero per pagare meno tasse?

I miti e le verità sulle tasse

Una delle notizie che circola di più in rete riguarda la possibilità di trasferire la residenza all’estero per 185 giorni all’anno. In questo modo, ci si può cancellare dall’anagrafe dello Stato Italiano e, di conseguenza, pagare i tributi all’estero.

Questo è legale, purché ovviamente anche la residenza effettiva sia all’estero e non si tratti di una mossa fittizia per cercare di scappare al fisco, lavorando comunque in Italia con stabile organizzazione. Come spiegano gli esperti, questo è un metodo molto conosciuto ma nella maggior parte dei casi il trasferimento all’estero non è ‘temporaneo’ per sfuggire al fisco, ma duraturo. Duraturo perché in genere si tratta di persone che si spostano fuori dall’Italia alla ricerca di luoghi dove la vita costa meno (e anche la pressione fiscale è inferiore).

I paradisi fiscali sono ben noti a tutti, in primis le Canarie, dove non solo le tasse da pagare sono di meno ma anche il costo della vita è nettamente inferiore. Con i pro ed i contro, ad esempio un welfare davvero scarno.

Un’altra notizia abbastanza in voga è quella della possibilità di aprire delle società all’estero con regimi favorevoli per alcune forme societarie. Una news per tutti: la LTD inglese, ovvero una forma societaria ridotta e semplificata che comporta il pagamento di tasse forfettarie con una pressione fiscale ridotta rispetto al Belpaese. Tuttavia, è del tutto falsa la notizia per cui l’uscita dell’UK dall’Unione Europea dovrebbe trasformare l’Inghilterra in un nuovo paradiso fiscale. Innanzitutto le norme fiscali inglesi sono comunque rigide, in secondo luogo, anche dopo la Brexit le regole rimarranno le stesse e non ci sarà alcun trattamento di favore.

E per quanto riguarda la deduzione delle spese? C’è chi cerca di dedurre tutto il possibile, non solo spese connesse all’attività imprenditoriale ma anche abbigliamento, cene, gioielli, e molto altro. Se un bene è a uso promiscuo, serve cioè sia all’attività di lavoro che a quella personale, è il legislatore che dispone se esso possa essere dedotto come spesa. Rimane illecito quindi dedurre spese sostenute per attività personali.

Ci sono poi quelli che pensano di restare in Italia a lavorare ma vogliono trasferire il denaro all’estero. Farlo è possibile, ma non è possibile trasferire soldi all’estero magicamente. L’esportazione occulta di denaro è infatti reato, senza contare che oggi i trasferimenti di liquidità sono tutti tracciabili e grazie ai collegamenti fra l’Agenzia delle Entrate italiana e quelle di altri Paesi, cercare di occultare informazioni è davvero poco semplice.